Nicola Ciampitti (a cura di) – Liceo Classico E. Q. Visconti – La letteratura italiana dal 1970 al 2004 e il postmoderno-

Pubblicato il: Autore: admin

visonti

 

Questo è l’unico volume che si è confrontato in Italia con il postmoderno partendo direttamente dai testi e dagli autori e critici. Il testo ben poco recensito è nelle maggiori università del mondo da Harvard a Stanford, alla Sapienza e in molte altre, a testimoniare tuttavia il successo scientifico del Convegno e del lavoro di costruzione e stesura del testo. Il libro registra accuratamente , dopo una introduzione critica del curatore, che tira le somme del Convegno, l’incontro svoltosi nel Liceo Visconti di Roma(l’ex-collegio romano del 1500, scuola internazionale dei gesuiti) nei giorni 13-14-15 ottobre 2004. Davanti ad un vasto pubblico di studenti e alunni sono intervenuti poeti e scrittori degli anni 70(Zeichen, Paris, Cucchi)degli anni 80 e 90 da Magrelli, Culicchia, Febbraro, noti critici come Ceserani , Ferroni, o i migliori specialisti di narrativa come La Porta, e di poesia il giovanissimo Marchesini, o l’estroverso e intelligentissimo, ai limiti della provocazione Capati, o il maggior critico di Tondelli Antonio Spadaro e lo stesso curatore Ciampitti , che è intervenuto sullo stile della narrativa degli anni ’70. Il pubblico a sua volta è intervenuto, mentre tutto il liceo partecipava ai lavori con mansioni di direzione o d’altro genere. Ceserani è stato il critico che ha diffuso l’analisi del postmoderno in Jameson che ha appunto voluto richiarire a tutti questo punto fondamentale, mentre a Ferroni è toccato il ruolo di chiudere i lavori in un dibattito accesso con un autore nuovissimo :La gioia. Le conclusione poste a prefazione del libro indicano che la nostra letteratura da come si evince dagli autori è in pieno postmoderno, che trae la sua vitalità paradossalmente dal dada, di cui ci ha dato un saggio critico lo stesso Magrelli, apparentemente così lontano da un mondo frantumato nell’io e nel linguaggio, mentre forse insieme a Milo de Angelis, purtroppo assente rappresenta meglio questa postmodenità. L’introduzione analizza sia la rimozione degli anni ’70, anno di cesura, che il successivo svolgersi del postmoderno autore per autore, almeno di quelli più significativi al fine di un’analisi critica e storica.

ALFONSO ANTONELLI

Liceo Classico E. Q. Visconti- La letteratura italiana dal 1970 al 2004 e il postmoderno- a cura di Nicola Ciampitti- pag. 218- ne le Ricerche di Marsilio editori- € 28,00