Rino Caputo – PER FAR SEGNO – la critica dantesca americana oggi

Pubblicato il: Autore: admin

RinoRino Caputo – PER FAR SEGNO – la critica dantesca americana oggi

Il testo del noto studioso é un breve, ma chiaro affondo nello sviluppo della critica dantesca americana.. Prefato dallo “scopritore” di Auerbach : Dante Della Terza, il libro ci introduce nella critica americana che di fatto inzia con Eliot, Pound, G. Santayana ecc, esercitandosi su un autore visto come patrimonio culturale del mondo. Nella dantesca la critica americana ha messo anche alla prova anche le più avanzate teorie critiche. Corredato da un’ampia e ragionata bibliografia il libro é snello e di facile lettura.. Diviso in 4 capitoli, il primo introduttivo, il secondo dedicato al maggiore: Singleton, il terzo al discusso Freccero, si chiude con l’attualità. Singleton parte da studi filologici rinascimentali in Firenze, approfondisce Boccaccio, anche se poi ne scoprirà le pecche filologiche. Il suo punto di forza è quello di ritornare a Dante riscoprendo la sua cultura medievale come che nulla allora valeva quantro la salvezza dell’anima.. La commedia è innanzitutto imitazione del mondo creato. Pertando bisogna entrare nella sacralità della scrittura, del simbolismo, dell’allegoria, soprattutto dei teologi, elementi coessenziali della poesia, insomma tornare al poeta theologus. “La fictio della Divina Coommedia è che essa non sia una fictio” ,in ciò viene affermato la funzione della teologia . Il suo realismo è la visione oggettiva del reale nell’ultramondo. Freccero, il suo migliore allievo, dopo un periodo di fedeltà al maestro cerca di vedere sempre più, anche con certe esagerazioni non accettabili, l’elemento poetico piuttosto che quello teologico. Coì la ricerca formale sulla poesia e sulla terza rima assumono un ruolo fondamentale. Le sue opere più importanti restano Medusa e Ironia Infernale:le porte dell’inferno. La critica attuale è segnata da critici come la Barolini e la sua deteologizzazione di Dante, come anche lo stesso H. Bloom. Un’ampia ricostruzione degli ultimi anni è stata fatta da Baranski. Resta tuttavia Singleton come modello e nume tutelare con cui sempre confrontarsi .
NICOLA CIAMPITTI

RINO CAPUTO
“PER FAR SEGNO – la critica dantesca americana oggi”
Pagus de IL CALAMO  – Pagg.157   – € 15,00