Vittorio Imbriani – CARTEGGI INEDITI

Pubblicato il: Autore: admin

imbrianiVittorio Imbriani   – CARTEGGI INEDITI

Con questo volume si apre finalmente la pubblicazione dell’ opera omnia dell’autore ottocentesco noto al pubblico più vasto per il romanzo Dio ne scampi dagli Orsenigo. C’e voluto più di un secolo dalla morte(1886) di questo autore, che pure nato a Napoli, costretto ad una vita raminga prima per l’azione politica antiborbonica del padre, poi più tardi per carattere e curiosità intellettuale, dovrà imparare il napoletano quasi come lingua straniera. L’opera è finanziata dal Comune d’origine familiare e dove morì: Pomigliano d’ Arco(dove gli è dedicato il locale Liceo classico)  e dalla Provincia di Napoli. I curatori del testo sono il prof. Giglio Raffaele , ordinario di Lett. Italiana all’Univ. Federico II di Napoli e la dottor.sa e prof.ssa Monica Mola. Purtroppo alla sua morte, a soli 45 anni, la moglie donò tutte le sue opere alla Biblioteca dell’Università di Napoli, trattenendo per sé carte, lettere, cartuscelle e quanto affettivamente più la legavano al marito defunto. Accade così sfortunatamente che i rifugiati del Carso devastarono la casa di Pomigliano d’ Arco distruggendo un patrimonio culturale tanto a lungo conservato. Di ciò soffre questo carteggio più ampio nelle lettere ricevute che inviate dal giornalista, critico, politico e duellante a pistola Vittorio Imbriani. Figlio di Paolo Emilio, e di Carlotta Poerio la nipote dei noti patrioti Alessandro e del poeta Carlo, ben più a sinistra del Nostro, ebbe l’opportunità di conoscere  e frequentare le lezioni dell’amico di famiglia Francesco de Sanctis a Friburgo, che lo invierà a Berlino a studiare Hegel: del filosofo assimilò soprattutto la concezione conservatrice dello Stato, ma il suo carattere e il suo sciovinismo e qualche pistolettata lo costrinsero a fuggire dalla Germania per evitare l’arresto. Il carteggio è ricco di umana sensibilità e amicizie, di contatti illustri tra cui Carducci, di richiami alle sue opere che si occuperanno di novelle popolari del sud, ma soprattutto di Firenze e   Milano, di critica su Dante, e tantissimi interventi su riviste politiche (tantissime) tra cui risalta la Patria.L’OPERA OMNIA  continuerà con i seguenti volumi: Folklore, Poesie, prose d’arte, racconti, romanzi, Scritti danteschi, Scritti filosofici, Scritti giornalistici,Scritti letterari, Scritti politici, Teatro. Non a caso al Nostro, forse anche per similarità ideologica, si accostò con interesse Benedetto Croce.

NICOLA CIAMPITTI

Vittorio Imbriani-Carteggi inediti-pagg. 420 –
Fondazione Vittorio Imbriani – Marsilio – €45,00